L’inizio….


Il mio primo post


Inizio da qui… dal nulla. Mai avuto un blog.

Sento il bisogno di condividere parte di me sulla carta, anche se è carta virtuale. E’ solo un inizio, non so dove porterà e nemmeno se porterà da qualche parte.
Non sono brava con le parole scritte, sono più brava con le chiacchiere vere, ma desidero condividere con il mondo web, la parte del mondo web che mi piace, i miei pensieri.
Inizio da qui….
Il salotto di Lady Zeta, perché questo nome?
perché sono una signora e una signora accoglie nella sua casa gli amici, e parla con loro, si confronta, si confida e ascolta confidenze, si commenta il tempo o si condividono opinioni sugli ultimi acquisti, la cura del giardino, i problemi quotidiani.
Una signora che offre tartine e pasticcini, caffè, tè e bibite fresche d’estate, e per essere anche un po’ meno British offre anche due fette di salame o un meraviglioso e profumato culatello  accompagnato con un bel bicchiere di malvasia. 
Ecco, questo, e cosa meglio del salotto di casa propria rappresenta una persona?
Zeta. Perché Zeta mi accompagna da quando sono nata.
Le mie iniziali in parte mi assomigliano:
A guardate bene la “A” maiuscola che cosa vi ricorda? A me una casa, un tetto sulla testa, un luogo sicuro dove stare. Io sono così, per me e per gli altri… un luogo sicuro dove stare.
Z” la zeta è dinamica, un fulmine, una strada tortuosa, il dinamismo, io soprattutto mentalmente sono veloce, dinamica, un fulmine e comunque il mio vissuto è una strada tortuosa, arrampicandomi lungo le strade della conoscenza, sono arrivata dove sono ora.
Dove sono ora lo scoprirete più avanti. Non ci vuole fretta.
Quello che adesso per me è imperativo, è circondarmi di positività, di solarità, ne ho bisogno come respirare.
Io dico spesso che la cosa che indosso per prima la mattina è il mio sorriso. E’ l’inizio del giorno, è il modo in cui mi piace mostrarmi agli altri, ne ricevo in cambio sorrisi e questo mi piace.
Bene. Ho scritto la mia prima pagina di blog. Sono emozionata.
Vi mando un sorriso e un bacio.

Comments are closed.