Mese: Dicembre 2013

 

Approfitto dell’ingresso in twitter di una amica, per scrivere quelle che io considero “istruzioni per l’uso di Twitter”, utili a chi è appena entrato in questo social. Non si tratta di istruzioni tecniche (ogni app. ha le sue caratteristiche) ma di consigli pratici, di buon vivere. Ognuno si deve fare una idea personale di come usare questo strumento, ma qualche “dritta” per evitare gli errori tipici in cui cadono tutti i nuovi iscritti, potrebbe essere utile. In fondo esiste una specie di etichetta anche su Twitter, credo che tutti dovrebbero imparare alcune piccole regole, per evitare di trovarsi impreparati.
Twitter è come un treno in corsa. Salire in un vagone pieno di gente e pensare di integrarsi immediatamente diventando amici di tutti i viaggiatori è utopia. Si rischia di scendere alla prima fermata.
Legenda:
Follower: persona che ti segue
Following: persona che tu segui
Retweet: tweet di uno che segui che condividi con tutti i tuoi follower
Stellina: inserire un tweet fra i tuoi preferiti
Blocco: Possibilità di bloccare una persona
DM: messaggi privati che puoi scambiarti con gli utenti che ti seguono
Followback: ricambiare il follow immediatamente
defollow o unfollow: smettere di seguire qualcuno
Fake: Falso profilo
Non sei obbligato a scrivere subito qualcosa.
Iscriviti e osserva. Segui qualche persona, scorri i tweet, osserva chi scrive cosa, abituati ai tempi e ai modi d’uso. La comprensione di twitter non è immediata, è normale che tu non ci capisca nulla e non sappia come fare. Fai con calma, osserva. Aspetta.
Segui senza aspettarti di essere ricambiato.
Quando segui qualcuno (following), non aspettarti automaticamente il followback. Pochi ti seguiranno solo per il fatto che tu li stai seguendo. Soltanto alcuni profili, anche molto famosi e conosciuti su twitter fanno followback, di solito le persone ti osserveranno per un po’ per capire quello che sei, ricordati che la prima cosa che faranno sarà leggere quello che scrivi. Se i tuoi tweet rasentano la banalità, difficilmente qualcuno sarà invogliato a seguirti. In ogni caso, non chiedere mai di essere seguito.
Allo stesso modo, non sei obbligato a seguire quelli che ti seguono. Fallo soltanto se ti pare interessante quello che hanno da dirti e comunque potrai sempre defolloware chi non ti piace più.
I vip non sono tuoi amici.
Non sentirti troppo emozionato al pensiero di poter seguire il tuo personaggio preferito della TV o dello sport. Potrai scrivere tweet a lui/lei o rispondere ai suoi tweet. La maggior parte di loro non leggerà nemmeno. Qualcuno, i più gentili e socievoli, a volte rispondono, non per questo avrai il diritto di continuare a conversare con loro come se fossero i tuoi migliori amici. Probabilmente si sentiranno assediati e non risponderanno più.  In ogni caso, anche se ti hanno risposto una volta, non per questo ti seguiranno. Ricorda anche che molti profili vip sono gestiti da uno staff (quindi non è il tuo idolo che scrive) e molti sono fake. Accertati quindi di chi stai seguendo.
Armati di pazienza.
All’inizio ti sembrerà di essere trasparente, parlerai e quasi nessuno ti risponderà, comincia innanzi tutto a chiederti se stai scrivendo cose interessanti. Se rispondi a tweet con “che bello” “come sei carino/carina” “ma tu che hai fatto?” non aspettarti risposta o conversazione. Forse potrai instaurare una conversazione con un follower tuo pari che magari, appena iscritto come te, sarà felice di scambiare due tweet con te. Questi primi contatti di solito sono i più duraturi. Io ho ancora conversazioni con i miei primi follower.
Se vuoi che qualcuno interagisca con te, non hai che da farti conoscere, non aspettarti che, anche se uno ti ha seguito spontaneamente, riesca a leggere tutto quello che scrivi. Menzionalo quando hai qualcosa di interessanti da dirgli in riposta ad un suo tweet, fallo con discrezione e garbo, se gli piaci potrà esserci un seguito.
Se piaci a qualcuno sarà facile che lui ti “sponsorizzi” retwittando un tuo tweet ai suoi follower o promuovendoti con una frase a te dedicata. Ma per questo ci vorrà pazienza. molta pazienza.
Considera la visione di chi ha molti follower.
Le prime persone che ti verrà istintivo seguire, saranno quelli più popolari. Non preoccuparti se non ti seguiranno subito, alcuni non lo faranno mai. Ognuno di loro ha una caratteristica che li distingue, ci sono quelli che rispondono a tutti (io sono fra questi ma è una rarità e comunque non so se potrò farlo a lungo, visto che quando aumentano i follower in modo esponenziale purtroppo non si riesce più a farlo), ci sono quelli che non rispondono mai, ci sono quelli che rispondono ogni tanto soltanto se la conversazione è intelligente. Anche per loro vale la regola che se ti rispondono una volta, non per questo sono i tuoi migliori amici. Non stalkerarli, magari si sentiranno assediati e in futuro ti ignoreranno. Impara a capire le loro caratteristiche, alcuni scrivono bellissimi tweet e non rispondono mai alle menzioni, vanno seguiti per il piacere di leggerli, non per intavolare una conversazione.
Non piombare a gamba tesa nelle conversazioni altrui. Non è che se un tuo follower abituale parla con un’altro follower che ti piace ma non ti segue, potrai piombare nella loro conversazione convinto di essere seguito. Non farai che infastidire entrambi.
Se qualcuno ha molti follower probabilmente è piacevole da seguire (fanno eccezione quelli che i follower li comprano ma questa è un’altra storia che scoprirai più avanti) osserva chi è seguito da chi ha tanti follower, fidati delle liste che hanno fatto le persone che preferisci, prova a seguirle, facilmente troverai persone interessanti da seguire a tua volta. Gli account più gettonati sono da seguire all’inizio per capire le dinamiche del social, poi potrai scegliere chi continuare a leggere secondo i tuoi gusti.
Twitter non è una chat.
iniziare conversazioni a tema buongiorno e buonasera riempiendo di account vari lo spazio utile del tweet aspettandosi pure risposte multiple, non credo ti porterà lontano.
Quando scambi un tweet con qualcuno non aspettarti che la conversazione vada oltre i primi due o tre tweet, il troppo stoppia.
Usa bene i 140 caratteri.
Impara ad essere sintetico, scrivi pensieri brevi, evita di scrivere con abbreviazioni, non esporre pensieri in più tweet. Usa l’ironia, è uno strumento vincente.

Ricordati che potenzialmente ogni cosa che dirai sarà visibile al mondo. Non dire mai nulla che non puoi gridare ad una piazza affollata di gente.

Non copiare
Se ti piace un tweet ritwittalo ai tuoi follower non copiarlo, è una pratica tristissima e prima o poi qualcuno ti scoprirà, mettendoti alla berlina.
Se scrivi una frase famosa, ricordati di citarne l’autore o comunque di precisare che si tratta di una citazione.

Usa il blocco con parsimonia.
Twitter è popolato da innumerevoli individui, qualcuno ti infastidirà probabilmente, qualcuno lo fa sistematicamente, se li ignori facilmente ti lasceranno in pace. Usa il blocco solo per quelli irriducibili e considera che il blocco farà si che tu non li legga più, non potranno inseriresti in liste e/o retwittarti ma  potranno comunque leggere quello che scrivi se verranno a sbirciare sul tuo profilo.
Twitter è informazione ma anche bufala.
Usa con criterio il tuo cervello, non dimenticare che chiunque può twittare qualunque cosa. Prima di ritwittare ad altri, verifica la notizia.
Non fidarti di tutti.
Su twitter ci sono belle persone, alcune stupende, ma anche persone problematiche, stalker, impiccioni, contapalle, invidiosi e chi più ne ha più ne metta.
Qualcuno ti invierà messaggi privati (DM) ricordati che nessuno li può leggere, ma chi sta scambiando confidenze con te, potrebbe usare le tue un domani. Usa la cautela che useresti nella vita con uno sconosciuto e ricordati che, coperto da una foto fasulla o da un nick invitante, potrebbe esserci chiunque. Per colpa di uno di questi, ho scelto l’anonimato.
Credo di averti detto tutto quello che mi sarebbe stato utile conoscere quando mi sono iscritta. Sappi che in due anni di permanenza su twitter (mi sono iscritta nel 2010 ma twitto solo dall’inizio del 2012) ho trovato persone meravigliose, alcune le ho anche conosciute di persona, il mio bilancio è positivo, ma restare su twitter richiede grande equilibrio e saper evitare le persone moleste.
Buon cinguettio.
Nota:
In questo blog, sotto il tag “Twitter” puoi trovare anche altri capitoli che potrebbero interessarti, te ne copio solo alcuni che considero importanti.
Buona lettura.
Oggi ho scritto un tweet che ha incuriosito molte persone.
Il tweet parlava di liste di twitter ed in particolare di liste “nascoste”.
Avevo già scritto un post che parlava delle liste di twitter, quindi mi limiterò a copiarvi il link.
Relativamente al fatto che si possano creare liste non pubbliche, pensavo fosse conosciuto da tutti.
E’ evidente che la mia lista “Parmigiani” o la mia lista “amici” non interessi a nessuno in modo pubblico, allo stesso modo  molti usano liste pubbliche o private per raccogliere in un unico elenco tutti i following appartenenti ad una stessa categoria.
Non dimentichiamo che, alcuni account di twitter che hanno l’abitudine di fare con tutti followback, è impossibile che possano seguire veramente tutti, questi quindi avranno con ogni probabilità creato una loro lista privata che costituirà la loro TL con gli account che vogliono realmente leggere, oppure siete davvero convinti che @insopporabile segua oltre 30.000 persone, @lddio 142000,  il @dlavolo 80000 e il @TristeMietitore 57000. Impossibile no?
Poi ci sarà sicuramente chi avrà creato liste private per seguire qualcuno senza farsi accorgere e qui, i motivi, pensateli voi. Non tutti sono malvagi. Almeno spero.
Comunque le liste sono un ottimo strumento di Twitter e per una che ama catalogare e tenere in ordine come me, sono indispensabili.
L’app. che mi ha dato maggiore soddisfazione per creare e seguire le liste è sicuramente Tweetbot, come ho avuto più volte modo di segnalarvi. Questa app, infatti, vi permette di vedere a colpo d’occhio per ogni utente il totale delle liste in cui è inserito. Se andate a vedere l’elenco delle liste vedrete che quelle pubbliche, spesso, sono inferiori al numero totale. La differenza, evidentemente, è dato dalle liste private in cui l’utente è inserito.
Le liste per me vogliono anche dire “gradimento” sbircio spesso in quali liste è inserita una persona per sapere se potrebbe piacermi.
Ho la fortuna di essere inserita in tante liste e approfitto di questo post per ringraziare i follower che l’hanno fatto.
Ora non indugio oltre e vi segnalo il link in cui potete leggere tutto sulle liste, compresa la possibilità di inserire voi stessi in una vostra lista.
Buona lettura.

 

Oggi mi sono divertita un po’ a giocare con l’oroscopo, scrivendo immaginari pensieri natalizi dei dodici segni.


#Natalezodiaco

Ariete:

Salgo sul tetto e faccio babbo Natale che scende dal camino. Scala? Con gli addominali che mi ritrovo? Ma quando mai? 
Toro:

Datemi una poltrona e le ciabatte. Sarà un Natale casalingo e di relax e soprattutto di tanto cibo.


Gemelli:

Andiamo a sciare? Dai sci racchette e si va, poi al rifugio, poi scendiamo, una doccia e poi Happy Hour, poi a ballare in quel nuovo locale.

Cancro:

Oooooh sta nevicando, che bello, ma che triste. Quando arrivano i parenti? Una malinconia.

Leone:

Il mio regalo dov’è? Sei stato dal gioielliere vero? Che ne dici del mio abito con gli Swarowsky ?

Vergine:

Ok, le candele vanno bene, ma sono quelle che non colano vero? E la tovaglia, non è stirata bene eh? E quelle posate, sistemale non sono ben allineate.

Bilancia:

Ecco ho preparato tutto, i decori sono stupendi, il pranzo è pronto. E io? Cosa mi metto? Caro che dici? Questo rosso o mi sta meglio il tubino nero? E che dici, metto i tacchi?

Scorpione:

Ho comprato questa lingerie che mi sta d’incanto, nera, col pizzo rosso. Peccato coprire tutto con un abito. Vabbé. Andiamo.

Sagittario:

Valige pronte, andiamo a passare il Natale in India quest’anno, l’anno scorso eravamo stati in Norvegia e il prossimo viaggio sarà alle Mauritius.

Capricorno:

Che fatica, ho preso l’albero di Natale direttamente nel bosco, ma guarda che meraviglia adesso, i decori li ho fatti uno a uno. Ora forse mi posso rilassare.

Acquario:

Ho organizzato tutto, il manicure con ogni unghia di un colore e un decoro diverso.. Un po’ di estro ci vuole.
Metto l’abito verde con le scarpe arancio e son pronta.

Pesci:

Spero che qualcuno mi regali un paio di pantofole nuove e mi faccia un bel massaggio ai piedi. Ne ho proprio bisogno.

(Spero di avervi fatto sorridere)


Ringrazio l’Astrologo Antonio Capitani per il suo generoso giudizio:



Questo è l’augurio di Natale che un ex twittero (bobtweet) ha dedicato a me e @kanguchic
Ha precisato che “non rompete” è solo il titolo del suo componimento e non è diretto a noi, rido.
È stato così carino, che lo voglio condividere con voi.

ALLE MIE AMICHE AZZETA E KANGU

TANTI AUGURI DI BUON NATALE E FELICE 2014
Non mi rompete

Osservavo la mia gatta
immersa nelle sue regole animali,
nella sua fede coi denti,
nella sua pulizia,

un po’ come quando, alla messa,
rifletto su tutt’altro per portar via
un po’ di buon senso.

Domandai quindi alla mia coscienza:
«Sei in grado di sbadigliare così apertamente

(Lei ora era il felino che, tra soffici appunti,
emetteva tutta la mia pigrizia e nessuna risposta)

Pensai quindi di sfogarmi col primo venuto,
e lo feci d’impegno, con rabbia,
quel poco per sentirmi sollevato,

poi, inginocchiato,
mi grattai la testa
come avrebbe fatto
un qualsiasi animale in gabbia.


Parma, 19-12-13

Oggi voglio segnalarvi un alcune app. legate al mondo di twitter che potrebbero esservi utili. Io utilizzo ipad e iphone, ma spero che queste applicazioni siano disponibili anche per Android.
Tweetbot è una bellissima applicazione, è quella che io utilizzo per twittare e per leggervi. E’ molto facile da imparare, immediata direi, ed è molto più semplice seguire le conversazioni. 
Una delle funzioni migliori è sicuramente la creazione e la facilità di utilizzo delle liste. Ha tutto e di più, l’unica cosa che manca (ed è quindi migliorabile) è la mancanza delle interazioni in chiaro (come avviene con la app. nativa di twitter che però, a mio parere, ha un sacco di altri difetti) i retweet occupano comunque uno spazio apposito nella app, (nella versione per ipad) mentre RT e stelline (anche dall’iphone) sono controllabili con Favstar.
Questa app. la consiglio proprio caldamente, se inizierete ad usare Tweetbot, non ne potrete più fare a meno.
Birdbrain è utile per chi vuole tenere sotto controllo la “contabilità” del twitter. 
Potete verificare follow e unfollow, chi avete bloccato, i retweet,  le menzioni, chi seguite e non vi segue, chi vi segue e non seguite, oltre a statistiche varie. Interessante sapere, ad esempio, se qualcuno sparisce dai vostri follower, se vi ha defollowato perché si è stancato di voi, se si è cancellato oppure se l’account è stato bloccato. 
Ecco, diciamo che questa app (che uso pochissimo) fa perdere un po’ la “poesia” del social. Ma se per voi i numeri su Twitter sono importanti, scaricatela, vi sarà indispensabile. 
Tweet Cleaner è indispensabile per chi ha l’abitudine di cancellare le menzioni.
Personalmente non la uso e, se posso dare il mio parere,  non trovo nemmeno giusto cancellare le menzioni con il risultato che, chi ha menzionato qualcuno, si ritrova con un tweet senza corrispondenza ed è come se avesse parlato con il muro.
Io ve la segnalo, perché è molto utile e immediata se avete davvero la necessità di cancellare un tweet, magari un po’ datato, che non volete lasciare a disposizione dei posteri.
L’utilizzo è di facile comprensione, questa applicazione permette di cancellare i tweet che voi selezionate, ma anche tutti i tweet, quindi vi consiglio di fare bene attenzione nella scelta, se non volete trovarvi con la vostra TL desolatamente vuota.
Usare con cautela.
Bene, mi fermo qui per oggi, provate queste app. e ditemi cosa ne pensate. 
Se potete, segnalatemi delle nuove app che riguardano il mondo di twitter da sperimentare.