Categoria: Periscope

 

Un paio di considerazioni sull’utilizzo di due applicazioni simili ma in realtà molto diverse
Snapchat e Periscope.

Periscope

Pregi: 
Permette video in diretta anche lunghissimi, è sufficiente premere l’avvio della diretta e iniziare a riprendere.
Consente di riprendere panorami, avvenimenti, manifestazioni, spettacoli nonché lunghi monologhi.
Permette l’interazione degli “spettatori” alla diretta attraverso una chat (che può comunque essere disabilitata da chi trasmette o da chi guarda il video).
E’ possibile cercare video in corso per una determinata zona prescelta su una mappa.
I video vengono cancellati automaticamente dopo 24 ore salvo che l’utente decida di conservarli.
I video sono visionabili anche off-line ed è possibile avanzare il video a piacere.
Permette il salvataggio dei video sui propri device.
Permette l’interazione diretta con Twitter inviando in automatico un tweet di invito alla visione.
Permette di vedere il numero delle persone che seguono una diretta e che possono inviare il loro feedback attraverso cuoricini con tap sullo schermo.
Difetti:
Se la connessione non è stabile non permette la diretta oppure la stessa è molto disturbata.
I commenti in chat possono essere molto invasivi impedendo la visione di quello che si sta riprendendo e poiché chiunque può intervenire è frequentata da profili anonimi, troll e disturbatori che richiedono il blocco immediato.
Richiede moltissimo tempo per visionare i video con conseguente richiesta ore a disposizione, traffico dati (se non in wi-fi) e consumo batteria.
La visione off-line non permette di inviare commenti o chat all’autore.
PS 
Non utilizzo Periscope da tempo per cui potrei essermi persa qualche ulteriore implementazione che vi invito a segnalarmi.

Snapchat

Pregi: 
Permette video immediati della durata di 10 secondi visionabili per 24 ore prima della cancellazione.
Permette di conservare i video sui propri device oppure su una apposita sezione “ricordi” per poterli riproporre.
E’ possibile cancellare i singoli snap e rifarli se non di gradimento.
Permette l’utilizzo di filtri a mascheramento del viso (migliorativi e/o simpatici e con modifiche vocali) che rendono la trasmissione simpatica.
In caso di poca connessione il caricamento degli snap può avvenire in un momento successivo.
Difetti:
Non è possibile visionare una anteprima di una persona da seguire, e non c’è alcun modo di fare una ricerca preventiva, occorre quindi seguire tutti coloro che ci seguono per capire di che cosa parlano con conseguente perdita di tempo, giga, batteria.
I profili possono essere anonimi, chiunque può celarsi dietro un account se non effettua snap.
La chat si cancella immediatamente, che potrebbe essere un vantaggio se non fosse che spesso non si ricorda l’argomento a cui si sta rispondendo. La soluzione è salvarla premendo sui singoli messaggi ma poi occorre cancellarla.
Spesso l’app. viene utilizzata a snap sequenziali per ottenere video simili a periscope con la differenza che occorre ripartire ogni 10 secondi con un nuovo snap e se si utilizzano filtri occorre selezionarli di nuovo.
Nota a margine su Instagram Stories e Facebook live.
Queste ultime non sono due applicazione separate ma sono implementazioni di due applicazioni già ben conosciute: Instagram e Facebook.
Instagram Stories è praticamente una “copiatura” di Snapchat con alcune differenze (per esempio non permette l’utilizzo di filtri) e personalmente trovo che il suo utilizzo possa essere interessante ma non da sostituire Snapchat.
Facebook live permette dirette al pari di Periscope ma richiede una connessione molto stabile (Wi-Fi) per poter essere utilizzata, è consentita l’interazione con chi trasmette attraverso i messaggi di facebook e permette di essere salvata e lasciata per future visioni sulla propria bacheca. Permette feedback diretti sotto forma di like e cuoricini.
Potrebbero interessarti anche questi vecchi post:

Periscope istruzioni al social

Periscope PRO e CONTRO

Periscope: quali scenari

Snapchat: istruzioni per l’uso

Snapchat: cosa si potrebbe cambiare

Questo post viene riproposto per cancellazione involontaria del post originario
Una piccola recensione per la nuova App legata a Twitter: Periscope
(Questo post viene aggiornato periodicamente con le novità)

Ho scaricato e installato questa nuovissima app, della quale ho letto su Twitter e vi giro le primissime impressioni, da rivedere eventualmente fra qualche tempo quanto l’app sarà utilizzata da tutti. 
Prima di tutto apprendo che è disponibile al momento solo per iOS e non per Android (l’applicazione è stata resa disponibile dal 26 maggio 2015 per la versione aggiornata a 4.4). Il ritardo è dovuto al fatto che le app vengono sempre testate prima in iOS (non chiedetemi il perché).
L’utilizzo è semplice ed immediato, una volta scaricata l’applicazione dovrete loggarvi con il vostro account Twitter e vi troverete immediatamente operativi. Dovrete abilitare microfono e fotocamera   obbligatoriamente se voltete fare video e la localizzazione che invece è come sempre facoltativa (l’app vi chiederà all’inizio della configurazione l’abilitazione oppure potrete farlo dalle impostazioni dello smartphone come con qualunque altra abilitazione)

Il meccanismo follower following è lo stesso di Twitter.
Al primo accesso troverete automaticamente fleggati gli account che già seguite su twitter e che hanno già scaricato l’applicazione. Successivamente dovrete controllare i nuovi follower che vi verranno proposti.
Esiste anche la possibilità di bloccare utenti.

Il funzionamento è di facile apprendimento, vi inquadrerete oppure (con doppio tap sullo schermo) potrete girare l’inquadratura verso un panorama, un avvenimento che state guardando e tutti i vostri follower (avvisati da una notifica) potranno collegarsi in diretta per vedere in live-streaming quello che voi volete mostrare e commentare. Chi fa il video leggerà sullo schermo i messaggi (che leggeranno anche tutti quelli collegati in quel momento) e potrà rispondere verbalmente se lo desidera. 
RudyZerby live

Naturalmente passato il primo momento di euforia dove tutti noi stiamo provando questa app. credo che l’utilizzo migliore sarà quello di documentare qualcosa di particolarmente interessante, di condividere qualcosa a cui stiamo assistendo in diretta, fare tutorial o formare gruppi di ascolto – come già Rudy Zerbi ha proposto.

Ritengo infatti che i piccoli filmati dove non c’è alcuna necessità di avere immediato riscontro con i vostri follower dovranno essere lasciati, come nel passato, a Instagram e Vine onde evitare sovraffollamento e collegamenti inutili.  Questo perché l’app, a mio parere, può diventare parecchio invasiva costringendo a collegarci (se lo vogliamo naturalmente) frequentemente e ovunque siamo (teniamo quindi gli auricolari a portata di mano).

I filmati una volta chiusi non saranno più visibili salvo che decidiamo di salvarli (l’operazione avviene in automatico se non la annulliamo)  e lasciarli a disposizione dei follower (per essere guardati in un secondo tempo) in tal caso resteranno visibili per 24 ore prima di essere cancellati. 
Potremo anche salvarci il filmato nel nostro smartphone e condividerlo in un secondo tempo magari su youtube).
Particolarmente interessante è la possibilità di trasmettere live un filmato selezionando soltanto una o più persone che lo possano vedere. La funzione è attivabile cliccando sul lucchetto nella videata dell’avvio del filmato e selezionando le persone che possono vedere il vostro live-streaming.

Credo che possa essere uno strumento incredibile, una specie di giornalismo quotidiano su ogni cosa ci piacerà mostrare agli altri.
Si potranno verificare sicuramente problemi di sovraffollamento quando tutti avranno scaricato l’app e soprattutto chi è molto seguito farà fatica a leggere tutti i commenti, va segnalato infatti che già ora i commenti sono troppo veloci a sparire pertanto l’integrazione andrà testata con il tempo. Resta peraltro la possibilità di leggere solo chi seguiamo attraverso apposito flag e anche di escludere la Chat.
L’app ci permette inoltre, toccando lo schermo, di inviare “cuoricini” per mostrare il nostro gradimento. A questo proposito mi permetto di rilevare che questa cosa ce la potevamo anche risparmiare perché, come sempre, i like valgono più dei contenuti e più di qualcuno farà filmati inutili soltanto per raccogliere consensi e salire nella classifica (??!!) dei più quotati…
Ci saranno probabilmente problemi da risolvere come la possibilità o meno di inquadrare tutto quello che ci pare, tipo programmi TV trasmessi in esclusiva (sky o altro) come già qualcuno ha rilevato e/o contenuti protetti da copyright o persone per strada o ancora i quadri esposti in una mostra o uno spettacolo a teatro. 
Dovremo anche capire che tipo di effetto avrà sul nostro quotidiano, sarà troppo invasiva?

Qualcuno parla di voyerismo ma io credo che quella soglia sia già stata ampiamente superata con Instagram – Vine ecc. in fondo siamo noi che decidiamo cosa mostrare e siamo sempre noi che decidiamo chi guardare.
Ognuno sarà in grado di fare una scrematura dei contenuti migliori e degli account che non vorremo perderci e di quelli che non ci andrà più di seguire.

Mi riprometto di aggiungere novità mano a mano che ne saprò di più io stessa aggiungendo i commenti in coda a questo post. Per il momento vi consiglio senz’altro di scaricare l’app. non ve ne pentirete. Sento che avrà un futuro se sfruttata al meglio. L’importante che l’entusiasmo iniziale non si affievolisca così come è avvenuto con altri supporti tipo Vine.

Mi permetto solo un commento da “zia”, ho visto fare filmati Periscope alla guida dell’auto, se avete un supporto e vi va di fare due chiacchiere non c’è problema ma se dovere tenere lo smartphone in mano o -peggio ancora- leggere le menzioni, siete criminali.
Il rischio di investire un passante o fare un incidente è troppo alto.
Vi prego non fatelo.

Se vi va condividete questo post per informare anche i vostri follower, segnalatemi quello che mi è sfuggito e naturalmente … seguitemi su Periscope ! 


Note:

Ho già trovato alcuni difetti che vado ad elencare e alcune funzioni e news che sto implementando anche con il vostro aiuto.

*************

Interazioni:
Le interazioni soprattutto per i profili molto seguiti coprono l’intero schermo, così non si riesce più a vedere il video. Sarebbe opportuno che fosse inserita una opzione per poter bloccare la visione delle interazioni per goderci il live.

*************

cuoricini sono sicuramente un modo per dimostrare il nostro consenso facendo “tap” con il dito sullo schermo (sono del colore della pic che ci viene assegnata all’accesso al filmato e ogni volta può essere diversa)  ma proprio non si possono vedere, sembra di stare in un acquario con le bolle.
Fra l’altro anche chi guarda i video in differita (o i video che hanno raggiunto il massimo di utenti collegati) non può inserire commenti ma può inviare cuoricini battendo sullo schermo.

Si segnala che il numero dei cuori che viene conteggiato dall’app è limitato a 500 ogni sessione (quelli fatti in eccesso non verranno comunque conteggiati).
Se volete gratificare chi fa il live e fare più cuori dovete uscire e rientrare nel live.

*************

Accessi contemporanei e blocco
Dopo un tot di accessi contemporanei sullo stesso live, esce un messaggio che dice  “Sorry, the broadcast is too full…” quindi si può vedere ma non interagire e compare un lucchetto, però anche se calano gli account collegati non si riesce comunque ad accedere alle interazioni. Da migliorare.

*************

Filmato verticale o orizzontale?
I filmati devono essere girati in verticale, perché se si tiene lo smartphone in orizzontale l’immagine è parzialmente rovesciata, si potrebbe ovviare al problema se tutti coloro che guardano girano a loro volta il telefono in orizzontale e per i panorami questa visualizzazione sarebbe anche migliore, il problema è che la riga di scrittura non si gira quindi non è possibile interagire e chi filma non riesce a leggere le interazioni. Da migliorare. 
Nelle riprese in movimento e non statiche le immagini sono leggermente sfuocate, questo in parte aiuta ad evitare riprese in chiaro di persone che passeggiano per strada.
Se state mostrando un panorama quindi muovetevi lentamente.
*************
Interruzioni:
Se c’è poco segnale e/o non siete collegati al wi-fi la trasmissione potrebbe interrompersi e anche se si riceve una telefonata il live si interrompe salvo che non la chiudiate subito.

*************

Controllo paramentri:
Qualcuno ha avuto problemi con la connessione 3G o comunque in esterno e non in connessione wi-fi vi copio i parametri che dovete verificare negli iphone e ipad riscontrabili in:
Impostazioni —> Cellulare —> Rete dati Cellulare  
per Vodafone e Tim (di quest’ultima informazione ringrazio @Il_Brillante)
Attenzione, prima di cambiare i parametri verificate presso il vostro gestore telefonico che il vostro contratto supporti questa modifica.

Vodafone
Tim

************

Utilizzo:

IlGattaMelata ha fatto alcune prove tecniche di trasmissione e ci informa che un minuto di live  di Periscope con utilizzo della connessione 3G consuma mediamente 11,3 Mb (compresa la registrazione al termine per lasciare il video on-line, mentre un minuto di visione in streaming “passiva” consumo soltanto 4,5 Mb
**********
Contemporaneità di visione o trasmissione dallo stesso account (es. iphone e ipad)

Ho verificato ed è previsto che con lo stesso account sia possibile la visione in contemporanea dello stesso live, potrebbe esserci un po’ di sfasamento fra i due ma è possibile. 
Ad esempio se state guardando un live con un amico e possedete un iphone e un ipad potete guardare entrambi comodamente collegandovi con lo stesso account.
Allo stesso modo è possibile trasmettere due live separati dallo stesso account sempre se possedete due smartphone o smartphone e ipad, in questo caso i video saranno assolutamente separati e chi vi segue potrà vederne uno o un’altro salvo che pure lui riesca a collegarsi con due apparecchi diversi.
E’ quindi possibile visionare in contemporanea due diversi live trasmessi da chi seguite con lo stesso account purché abbiate ovviamente due apparecchi diversi (due smartphone o iphone e ipad). 
**********
Esclusione della Chat
Rilevo che in qualche caso non è possibile leggere le interazioni per vari motivi, spesso nei filmati in esterno, i backstage e altro, in questi casi è possibile escludere le interazioni (sia da parte di chi fa il video che da parte di chi guarda il video)  in questo modo avremo la possibilità di vedere il live non coperto da tutti i commenti dei follower.
L’esclusione è possibile premendo sul numero dei follower che stanno seguendo il live e scorrendo fino in fondo a trovare Hide Chat, allo stesso modo potremo ripristinare la chat nello stesso modo premendo Show Chat.

************

Tacitare momentaneamente le notifiche:
Attenzione: slittando verso sinistra una delle notifiche di Periscope, potrete tacitare le notifiche per 3 ore al fine di non venire disturbati.

Invitare di follower a vedere un filmato
Potete, mentre state guardando un live, invitare un altro account o tutti i vostri follower premendo
Share Broadcast
o all’inizio del filmato oppure durante la visione slittando con il dito da sinistra verso destra
poi sceglierete :
Share with specific people per avvisare un solo account alla visione
Share with all follower per invitare tutti i follower alla visione

************

Aggiungo alcune ovvietà, che però mi vengono richieste spesso.



Stoppare il filmato: 
occorre slittare il dito sullo schermo dall’alto al basso e vi apparirà questa immagine, premete su “Stop broadcast”


Salvare il filmato:
Il salvataggio avviene automaticamente alla fine della ripresa, dovrete attendere un attimo il caricamento che sarà tanto più lento quanto lungo è stato il filmato. Vedi immagine
Quando la linea bianca avrà raggiunto la fine, il live sarà visibile per 24 ore prima di essere cancellato automaticamente.
Se non volete salvarlo è sufficiente fermare prima della fine del salvataggio (tap sullo schermo).

Eliminare un live già salvato.
Ovviamente esiste anche la possibilità di eliminare un live già salvato. Dovrete cercarlo nell’elenco dei video da vedere e, slittando il dito da destra verso sinistra vi comparirà la scritta Elimina (vedi foto)

* E’ comunque possibile eliminare i live dal proprio profilo (aggiornamento dell’11 maggio 2015)


Filmati visibili da PC
I filmati sono visibili da PC anche per chi non ha uno smartphone iOS  cliccando sul link del tweet solo finché il filmato stesso sarà live.


Privacy e copyright
Attenzione a quello che riprendete.
Non potete violare le regole del copyright quindi no a riprese di trasmissioni televisive, di spettacoli teatrali, ecc. ecc. ecc.
No alle riprese pubbliche senza chiedere l’autorizzazione, occhio a riprendere persone che non sanno di essere riprese,
No a live con contenuti sessuali, no allo spam. No alla divulgazione di dati personali di terzi.
Abbiate cura di evitare i contenuti sensibili o che possono ledere la privacy di qualcuno.
Il rischio oltre ad una bella denuncia è quello di vedersi chiudere l’account.
Da ultimo vi ricordo che pubblicando il filmato date l’autorizzazione a Periscope per il suo utilizzo anche in futuro a terzi…. (uomo avvisato…)

Interessante leggere l’articolo di CheFuturo 

Aggiornamenti

Inserita la possibilità di visualizzare il profilo di un account e vedere gli ultimi live delle 24 ore.
L’immagine frontale che risultava speculare adesso è corretta.
Chi visualizza un live via web può vedere la chat.

11 maggio 2015

Inserita la possibilità di modificare la pic direttamente dalla applicazione utilizzando una propria foto o scattandola con lo smartphone.

É ora possibile, anche per chi non ha un profilo di twitter, scaricare e utilizzare Periscope registrandosi con il numero di cellulare.

Possibilità di menzionare direttamente dalla app una persona inserendo, nella stringa di testo, il nome con la chiocciola.

Nel proprio profilo (visibili solo dall’utenti) sono elencati i live effettuati. non è possibile visionari ma è possibile eventualmente eliminarli. *

I follower e following sono inseriti nell’ordine in base a cui abbiamo seguito o siamo stati seguiti.
Potremo quindi verificare chi ci segue più agevolmente senza perderci un “nuovo follower”.

26 maggio 2015

Resa disponibile l’app anche per i dispositivi Android (vers. 4.4)

5 giugno 2015 

Salvataggio istantaneo del live, con possibilità comunque di cancellarlo successivamente dal proprio profilo.
Tradotta l’app in 29 lingue fra cui l’italiano.
Possibilità di condividere su Twitter il live che si sta guardando
Nella sezione “mappa” possibilità di selezionare una zona e visionare i live degli account Periscope che si stanno geolocalizzando nel luogo scelto.
E’ possibile condividere con i nostri follower i live anche se sono già terminati.


Scusate gli errori ma aggiungo mano a mano che scorpo una nuova funzione o qualcuno me la segnala.

…. continua ….

Nota:
Non ho più inserito gli aggiornamenti successivi che, comunque, prevedono migliorie come ad esempio poter escludere le notifiche per alcuni utenti e finalmente la possibilità di andare avanti e indietro nel filmato e la possibilità di lasciare in visione oltre le 24 ore il proprio video.
Credo che questo post ormai possa considerarsi completo.
Aggiungo anche che, come avevo immaginato all’inizio, l’entusiasmo iniziale ha lasciato il posto ad un po’ di noia per alcuni video, quindi la partecipazione massiccia iniziale sta un po’ scemando.
Spero che tutto questo permetta di seguire ciò che realmente è degno di nota.

Sono passati quasi tre mesi da quando Periscope ha fatto la sua comparsa aggiungendosi ai numerosi (troppi?) social che accompagnano le nostre giornate.
Vorrei fare un personale bilancio di questo strumento e individuare – secondo il mio metro di giudizio naturalmente – quelli che sono gli scenari che si presentano.
Dopo l’entusiasmo iniziale in cui moltissimi curiosi si sono affacciati a guardare i live, direi che l’accesso ai live si è stabilizzato in diminuzione.
Ovvero ci sono meno collegati ma più collegati con interesse.
Ci siamo lasciati alle spalle molti troll che entravano nei live unicamente per scrivere sciocchezze, offese e provocazioni. 
Una volta bloccati non infastidiscono più.
Così come non ritornano in live coloro che vogliono solo vedere che faccia ha questo o quello, una volta soddisfatta la curiosità spariscono.
Il numero di persone che utilizza lo strumento non è altissimo come percentuale. Molti guardano ma non fanno live. 
Per fare live ci vuole una buona capacità comunicativa, che non tutti hanno, e soprattutto una discreta dose di esibizionismo senza la quale nessuno avrebbe il coraggio di mostrarsi in video.
Si creano, in modo naturale, cerchie ristrette di persone accomunate dagli stessi interessi e modi di vedere che rimbalzano i live dall’uno all’altro.
Una cosa a mio parere assolutamente positiva è che Periscope avvicina le persone, chi fa live si presenta “senza trucco e senza inganno” e risulta in genere piacevole da seguire. 
Ho avuto modo di capire come sono alcune persone guardandole su Periscope che in anni su Twitter.
Ho notato che alcune superstar di Twitter non “reggono” all’impietoso confronto live, non avendo sufficiente comunicativa per riuscire a mantenere il proprio personaggio così amato su twitter anche di persona abbandonano i live oppure non si cimentano nemmeno.
Ad ognuno il suo social.
Gli scenari che ho individuato sono questi:
Vip e back stage.
Questi live sono di coloro che hanno numerosi seguaci e mostrano la parte “dietro le quinte” del proprio lavoro o ci raccontano parte del loro quotidiano.
Periscope è una manna per chi gravita nel mondo dello spettacolo: una TV personale a disposizione 24 ore al giorno.
Primo e indiscusso leader di questo gruppo è sicuramente Fiorello che ha fatto del mezzo un ottimo modo per restare vicino ai propri fans. Altrettanto seguito è Rudy Zerbi che utilizza i live in modo assolutamente originale, in parte in radio, in parte per farci ascoltare ottima musica, in parte per mostrarci un poco di se stesso. Troviamo anche Jovanotti e molti altri personaggi della scena musicale Italiana e uno strepitoso Giulio Base che fa live seguitissimi parlando anche in inglese. Fanno parte di questa categoria anche tanti giornalisti.
Vi accorgerete subito di chi riscuote successo perché molto spesso non riuscirete a interagire nei live per affollamento di visualizzazioni.
Emergenti
Una sottocategoria di quella precedente è costituita da tutte quelle persone che gravitano pure loro nel mondo dello spettacolo ma sono meno conosciuti e giustamente utilizzano il mezzo per farsi conoscere meglio da noi comuni mortali ma anche da coloro che potrebbero contattarli per ragioni lavorative.
Periscope per queste persone è un mezzo utilissimo e rappresentativo.
YouTubers
Molti youtuber stanno utilizzando periscope per avvicinare una platea più ampia. I live possono infatti essere salvati su youtube (nonostante il formato infelice) e “invitano” i seguaci di periscope a conoscere i vari canali youtube.
Gruppi di ascolto
Qui troviamo coloro che hanno tante cose da dire e dotati di grande comunicazione.
Queste persone hanno creato la loro personale “corte” e intrattengono amabilmente con chiacchiere varie ma senza nessuno scopo preciso.
Non cercano la fama ma semplicemente un modo per comunicare.
I paesaggisti
Troviamo live quelli che hanno la fortuna di avere scenari stupendi da riprendere o viaggiatori.
Ci mostrano città, monumenti, mare, montagna, fiumi, aeroporti, stazioni ecc.
Ci fanno vedere il mondo, regalandoci un ottimo modo per viaggiare virtualmente attraverso occhi simili ai nostri.
Gli amici virtuali.
Ho notato che si sono create cerchie di amicizie su Periscope e molto spesso si viaggia da un live all’altro salutandoci come fossimo veramente amici.
Una cosa nata spontaneamente e senza alcuni fine se non tenersi in contatto nonostante le distanze.
Questi live in genere sono abbastanza ristretti e con una partecipazione esterna limitata a sporadiche apparizioni.
Troviamo naturalmente altre sottocategorie e chi fa di tutto un po’, ma direi che ho tracciato quelle che sono le più importanti.
Note finali:
Invasività 
La mia personale esperienza da “osservatrice” è che diventa sempre più difficile seguire i live di tutti.
Periscope è troppo invasivo e per una persona che lavora è quasi impossibile da seguire.
Qualche live può essere guardato in differita ma la maggior parte dei live purtroppo cade nel vuoto.
Ho notato anche che molte persone (me compresa) dopo un entusiasmo iniziale dettato dalla novità si sono un po’ allontanate da Periscope. 
Personalmente cerco di fare live solo quando ho qualcosa da dire sperando possa interessare a tutti o quando voglio dare un saluto agli amici virtuali.
Cuoricini
Ho capito anche che i cuoricini, che segnalano il gradimento, aumentano in modo esponenziale più live si fanno, qualcuno che tamburella sullo schermo si trova sempre. 
Per cui temo che non segnalino solo il gradimento ma spesso la costanza con cui qualcuno fa live.
Se qualcuno ancora non si è avvicinato a questo interessante strumento lo faccia, potrebbe trovare uno sbocco interessante o un modo piacevole per passare il tempo, soprattutto se si sta annoiando.

L’importante è che sia un Periscope vario e non …. avariato….


Dopo qualche giorno di utilizzo sono in grado di dirvi quelli che sono, a mio parere, i pro e i contro di questa nuova applicazione legata a Twitter
Vi ricordo che le funzioni di Periscope e il suo utilizzo li potete trovare nel post cliccando qui Periscope istruzioni all’uso.
PRO
Le Pic diventano persone. Chi, trasmettendo live, ci mostra il suo viso e ci parla diventa una persona reale, non è più una immagine statica. In molti casi questo è un vero vantaggio.
Avvicina le persone.
Di utilizzo semplicissimo non richiede nessuna capacità informatica. Tutto è a disposizione di tutti. (un pro che può diventare un contro)
Permette di documentare in diretta qualunque avvenimento, qualunque cosa che stiamo vedendo. Indispensabile per un utilizzo giornalistico e di cronaca diretta.
Ci trasformiamo in reporter con una telecamera sempre a disposizione.
Abbrevia le distanze. Permette live da qualunque parte del mondo.
Se bene utilizzata potrebbe mostrarci luoghi che non visiteremo mai o che, vedendo i filmati, ci verrà voglia di visitare.
Utilissima per i personaggi del mondo dello spettacolo, possono mostrarci live, backstage, prove in modo semplice e diretto, avvicinando i fans.
Volendo pensare in modo “investigativo” potrebbe essere utile in caso di pericolo per trasmettere la propria posizione e chiedere aiuto mostrando il rischio che stiamo correndo.
Utile nei casi di eventi ambientali e fenomeni naturali da documentare. 
Non ha filtri. Chi si mostra alle telecamere è “senza trucco e senza inganno” a volte nel vero senso della parola. E’ impedita la mistificazione. Se uno vuol mantenere segreta la propria identità voce ecc. dovrà rinunciare a fare i filmati.
CONTRO
E’ invasivo. Se lasciamo attive le notifiche il nostro smartphone ci avviserà in continuazione di filmati live… impossibile seguirli tutti, impossibile non desiderare di disattivare le notifiche.
Possibile soluzione: poter attivare le notifiche istantanee solo per chi vogliamo o seguire pochissime persone.
Lesivo della privacy, se decidiamo di fare filmati per strada o in luoghi pubblici chiunque può venire inquadrato senza consenso. Fra l’altro attenzione alla lesione della privacy altrui e anche dei divieti di divulgazione di contenuti protetti da copyright.
Autorizziamo fra l’altro Periscope all’utilizzo dei nostri filmati anche in futuro. 
L’interazione è a metà. La persona che trasmette è attiva e parla, chi commenta è solo una riga sullo schermo. Limitante.
I blocchi sono frequenti, in base al segnale che ognuno ha a disposizione a volte il filmato si interrompe. La presenza del WiFi è fondamentale, salvo che non si abbia un ottimo segnale 3G o 4G i filmati in esterna sono da evitare.
Consuma moltissima batteria, guardare i filmati ovviamente riduce la durata della batteria, Inevitabile.
In esterno consuma molti MB… da controllare per evitare di restare senza connessione 3G. Utilizzo senza limiti solo in Wifi.
Blocco degli accessi live se ci sono molte persone collegate che guardano il live, A molti sarà impedita l’interazione in chat.
Sparizione o blocco temporaneo della chat sia per chi trasmette, sia per chi guarda. 
Utenti che fanno filmati live brevissimi, non danno il tempo nemmeno per riuscire a collegarci alla diretta che questa è già chiusa. Un comportamento da evitare. Colleghiamoci se abbiamo qualcosa da dire e se abbiamo un po’ di tempo a disposizione. Altrimenti rimandiamo.
Cuoricini di fatto non segnalano la persona che fa filmati migliori, ma solo chi ha più tempo per  fare filmati anche senza dire nulla di interessante. Non sono un indicatore reale della preferenza ma solo del tempo di connessione temo.
La localizzazione è da evitare per le trasmissioni da casa. Troppo alto il rischio che qualche malintenzionato ci trovi.
Tutti possono usarlo, potrebbe essere un pro ma può essere un contro, come in ogni social arriveranno gli invadenti, i troll, i guardoni e chi più ne ha più ne metta.

E legato a Twitter ma ne snatura lo scopo. Piccoli messaggi flash di 140 caratteri.
Di fatto è un nuovo social che richiede tempo, costanza e possibilità di guardare filmati.

Mi fermo lasciando aperta la discussione… sono certa che vorrete collaborare aggiungendo PRO e CONTRO nei commenti. Mi premurerò di aggiungerli a questa pagina.
Una piccola recensione per la nuova App legata a Twitter: Periscope
(Questo post viene aggiornato periodicamente con le novità)

Ho scaricato e installato questa nuovissima app, della quale ho letto su Twitter e vi giro le primissime impressioni, da rivedere eventualmente fra qualche tempo quanto l’app sarà utilizzata da tutti.
Prima di tutto apprendo che è disponibile al momento solo per iOS e non per Android (l’applicazione è stata resa disponibile dal 26 maggio 2015 per la versione aggiornata a 4.4). Il ritardo è dovuto al fatto che le app vengono sempre testate prima in iOS (non chiedetemi il perché).
L’utilizzo è semplice ed immediato, una volta scaricata l’applicazione dovrete loggarvi con il vostro account Twitter e vi troverete immediatamente operativi. Dovrete abilitare microfono e fotocamera   obbligatoriamente se voltete fare video e la localizzazione che invece è come sempre facoltativa (l’app vi chiederà all’inizio della configurazione l’abilitazione oppure potrete farlo dalle impostazioni dello smartphone come con qualunque altra abilitazione)

Il meccanismo follower following è lo stesso di Twitter.
Al primo accesso troverete automaticamente fleggati gli account che già seguite su twitter e che hanno già scaricato l’applicazione. Successivamente dovrete controllare i nuovi follower che vi verranno proposti.
Esiste anche la possibilità di bloccare utenti.

Il funzionamento è di facile apprendimento, vi inquadrerete oppure (con doppio tap sullo schermo) potrete girare l’inquadratura verso un panorama, un avvenimento che state guardando e tutti i vostri follower (avvisati da una notifica) potranno collegarsi in diretta per vedere in live-streaming quello che voi volete mostrare e commentare. Chi fa il video leggerà sullo schermo i messaggi (che leggeranno anche tutti quelli collegati in quel momento) e potrà rispondere verbalmente se lo desidera. 
RudyZerby live

Naturalmente passato il primo momento di euforia dove tutti noi stiamo provando questa app. credo che l’utilizzo migliore sarà quello di documentare qualcosa di particolarmente interessante, di condividere qualcosa a cui stiamo assistendo in diretta, fare tutorial o formare gruppi di ascolto – come già Rudy Zerbi ha proposto.

Ritengo infatti che i piccoli filmati dove non c’è alcuna necessità di avere immediato riscontro con i vostri follower dovranno essere lasciati, come nel passato, a Instagram e Vine onde evitare sovraffollamento e collegamenti inutili.  Questo perché l’app, a mio parere, può diventare parecchio invasiva costringendo a collegarci (se lo vogliamo naturalmente) frequentemente e ovunque siamo (teniamo quindi gli auricolari a portata di mano).

I filmati una volta chiusi non saranno più visibili salvo che decidiamo di salvarli (l’operazione avviene in automatico se non la annulliamo)  e lasciarli a disposizione dei follower (per essere guardati in un secondo tempo) in tal caso resteranno visibili per 24 ore prima di essere cancellati.
Potremo anche salvarci il filmato nel nostro smartphone e condividerlo in un secondo tempo magari su youtube).
Particolarmente interessante è la possibilità di trasmettere live un filmato selezionando soltanto una o più persone che lo possano vedere. La funzione è attivabile cliccando sul lucchetto nella videata dell’avvio del filmato e selezionando le persone che possono vedere il vostro live-streaming.

Credo che possa essere uno strumento incredibile, una specie di giornalismo quotidiano su ogni cosa ci piacerà mostrare agli altri.
Si potranno verificare sicuramente problemi di sovraffollamento quando tutti avranno scaricato l’app e soprattutto chi è molto seguito farà fatica a leggere tutti i commenti, va segnalato infatti che già ora i commenti sono troppo veloci a sparire pertanto l’integrazione andrà testata con il tempo. Resta peraltro la possibilità di leggere solo chi seguiamo attraverso apposito flag e anche di escludere la Chat.
L’app ci permette inoltre, toccando lo schermo, di inviare “cuoricini” per mostrare il nostro gradimento. A questo proposito mi permetto di rilevare che questa cosa ce la potevamo anche risparmiare perché, come sempre, i like valgono più dei contenuti e più di qualcuno farà filmati inutili soltanto per raccogliere consensi e salire nella classifica (??!!) dei più quotati…
Ci saranno probabilmente problemi da risolvere come la possibilità o meno di inquadrare tutto quello che ci pare, tipo programmi TV trasmessi in esclusiva (sky o altro) come già qualcuno ha rilevato e/o contenuti protetti da copyright o persone per strada o ancora i quadri esposti in una mostra o uno spettacolo a teatro.
Dovremo anche capire che tipo di effetto avrà sul nostro quotidiano, sarà troppo invasiva?

Qualcuno parla di voyerismo ma io credo che quella soglia sia già stata ampiamente superata con Instagram – Vine ecc. in fondo siamo noi che decidiamo cosa mostrare e siamo sempre noi che decidiamo chi guardare.
Ognuno sarà in grado di fare una scrematura dei contenuti migliori e degli account che non vorremo perderci e di quelli che non ci andrà più di seguire.

Mi riprometto di aggiungere novità mano a mano che ne saprò di più io stessa aggiungendo i commenti in coda a questo post. Per il momento vi consiglio senz’altro di scaricare l’app. non ve ne pentirete. Sento che avrà un futuro se sfruttata al meglio. L’importante che l’entusiasmo iniziale non si affievolisca così come è avvenuto con altri supporti tipo Vine.

Mi permetto solo un commento da “zia”, ho visto fare filmati Periscope alla guida dell’auto, se avete un supporto e vi va di fare due chiacchiere non c’è problema ma se dovere tenere lo smartphone in mano o -peggio ancora- leggere le menzioni, siete criminali.
Il rischio di investire un passante o fare un incidente è troppo alto.
Vi prego non fatelo.

Se vi va condividete questo post per informare anche i vostri follower, segnalatemi quello che mi è sfuggito e naturalmente … seguitemi su Periscope !


Note:

Ho già trovato alcuni difetti che vado ad elencare e alcune funzioni e news che sto implementando anche con il vostro aiuto.

*************

Interazioni:
Le interazioni soprattutto per i profili molto seguiti coprono l’intero schermo, così non si riesce più a vedere il video. Sarebbe opportuno che fosse inserita una opzione per poter bloccare la visione delle interazioni per goderci il live.

*************

I cuoricini sono sicuramente un modo per dimostrare il nostro consenso facendo “tap” con il dito sullo schermo (sono del colore della pic che ci viene assegnata all’accesso al filmato e ogni volta può essere diversa)  ma proprio non si possono vedere, sembra di stare in un acquario con le bolle.
Fra l’altro anche chi guarda i video in differita (o i video che hanno raggiunto il massimo di utenti collegati) non può inserire commenti ma può inviare cuoricini battendo sullo schermo.

Si segnala che il numero dei cuori che viene conteggiato dall’app è limitato a 500 ogni sessione (quelli fatti in eccesso non verranno comunque conteggiati).
Se volete gratificare chi fa il live e fare più cuori dovete uscire e rientrare nel live.

*************

Accessi contemporanei e blocco
Dopo un tot di accessi contemporanei sullo stesso live, esce un messaggio che dice  “Sorry, the broadcast is too full…” quindi si può vedere ma non interagire e compare un lucchetto, però anche se calano gli account collegati non si riesce comunque ad accedere alle interazioni. Da migliorare.

*************

Filmato verticale o orizzontale?
I filmati devono essere girati in verticale, perché se si tiene lo smartphone in orizzontale l’immagine è parzialmente rovesciata, si potrebbe ovviare al problema se tutti coloro che guardano girano a loro volta il telefono in orizzontale e per i panorami questa visualizzazione sarebbe anche migliore, il problema è che la riga di scrittura non si gira quindi non è possibile interagire e chi filma non riesce a leggere le interazioni. Da migliorare. 
Nelle riprese in movimento e non statiche le immagini sono leggermente sfuocate, questo in parte aiuta ad evitare riprese in chiaro di persone che passeggiano per strada.
Se state mostrando un panorama quindi muovetevi lentamente.
*************
Interruzioni:
Se c’è poco segnale e/o non siete collegati al wi-fi la trasmissione potrebbe interrompersi e anche se si riceve una telefonata il live si interrompe salvo che non la chiudiate subito.

*************

Controllo paramentri:
Qualcuno ha avuto problemi con la connessione 3G o comunque in esterno e non in connessione wi-fi vi copio i parametri che dovete verificare negli iphone e ipad riscontrabili in:
Impostazioni —> Cellulare —> Rete dati Cellulare  
per Vodafone e Tim (di quest’ultima informazione ringrazio @Il_Brillante)
Attenzione, prima di cambiare i parametri verificate presso il vostro gestore telefonico che il vostro contratto supporti questa modifica.

Vodafone
Tim

************

Utilizzo:

IlGattaMelata ha fatto alcune prove tecniche di trasmissione e ci informa che un minuto di live  di Periscope con utilizzo della connessione 3G consuma mediamente 11,3 Mb (compresa la registrazione al termine per lasciare il video on-line, mentre un minuto di visione in streaming “passiva” consumo soltanto 4,5 Mb
**********
Contemporaneità di visione o trasmissione dallo stesso account (es. iphone e ipad)

Ho verificato ed è previsto che con lo stesso account sia possibile la visione in contemporanea dello stesso live, potrebbe esserci un po’ di sfasamento fra i due ma è possibile. 
Ad esempio se state guardando un live con un amico e possedete un iphone e un ipad potete guardare entrambi comodamente collegandovi con lo stesso account.
Allo stesso modo è possibile trasmettere due live separati dallo stesso account sempre se possedete due smartphone o smartphone e ipad, in questo caso i video saranno assolutamente separati e chi vi segue potrà vederne uno o un’altro salvo che pure lui riesca a collegarsi con due apparecchi diversi.
E’ quindi possibile visionare in contemporanea due diversi live trasmessi da chi seguite con lo stesso account purché abbiate ovviamente due apparecchi diversi (due smartphone o iphone e ipad). 
**********
Esclusione della Chat
Rilevo che in qualche caso non è possibile leggere le interazioni per vari motivi, spesso nei filmati in esterno, i backstage e altro, in questi casi è possibile escludere le interazioni (sia da parte di chi fa il video che da parte di chi guarda il video)  in questo modo avremo la possibilità di vedere il live non coperto da tutti i commenti dei follower.
L’esclusione è possibile premendo sul numero dei follower che stanno seguendo il live e scorrendo fino in fondo a trovare Hide Chat, allo stesso modo potremo ripristinare la chat nello stesso modo premendo Show Chat.

************

Tacitare momentaneamente le notifiche:
Attenzione: slittando verso sinistra una delle notifiche di Periscope, potrete tacitare le notifiche per 3 ore al fine di non venire disturbati.

Invitare di follower a vedere un filmato
Potete, mentre state guardando un live, invitare un altro account o tutti i vostri follower premendo
Share Broadcast
o all’inizio del filmato oppure durante la visione slittando con il dito da sinistra verso destra
poi sceglierete :
Share with specific people per avvisare un solo account alla visione
Share with all follower per invitare tutti i follower alla visione

************

Aggiungo alcune ovvietà, che però mi vengono richieste spesso.



Stoppare il filmato: 
occorre slittare il dito sullo schermo dall’alto al basso e vi apparirà questa immagine, premete su “Stop broadcast”


Salvare il filmato:
Il salvataggio avviene automaticamente alla fine della ripresa, dovrete attendere un attimo il caricamento che sarà tanto più lento quanto lungo è stato il filmato. Vedi immagine
Quando la linea bianca avrà raggiunto la fine, il live sarà visibile per 24 ore prima di essere cancellato automaticamente.
Se non volete salvarlo è sufficiente fermare prima della fine del salvataggio (tap sullo schermo).

Eliminare un live già salvato.
Ovviamente esiste anche la possibilità di eliminare un live già salvato. Dovrete cercarlo nell’elenco dei video da vedere e, slittando il dito da destra verso sinistra vi comparirà la scritta Elimina (vedi foto)


* E’ comunque possibile eliminare i live dal proprio profilo (aggiornamento dell’11 maggio 2015)


Filmati visibili da PC
I filmati sono visibili da PC anche per chi non ha uno smartphone iOS  cliccando sul link del tweet solo finché il filmato stesso sarà live.


Privacy e copyright
Attenzione a quello che riprendete.
Non potete violare le regole del copyright quindi no a riprese di trasmissioni televisive, di spettacoli teatrali, ecc. ecc. ecc.
No alle riprese pubbliche senza chiedere l’autorizzazione, occhio a riprendere persone che non sanno di essere riprese,
No a live con contenuti sessuali, no allo spam. No alla divulgazione di dati personali di terzi.
Abbiate cura di evitare i contenuti sensibili o che possono ledere la privacy di qualcuno.
Il rischio oltre ad una bella denuncia è quello di vedersi chiudere l’account.
Da ultimo vi ricordo che pubblicando il filmato date l’autorizzazione a Periscope per il suo utilizzo anche in futuro a terzi…. (uomo avvisato…)

Interessante leggere l’articolo di CheFuturo

Aggiornamenti

Inserita la possibilità di visualizzare il profilo di un account e vedere gli ultimi live delle 24 ore.
L’immagine frontale che risultava speculare adesso è corretta.
Chi visualizza un live via web può vedere la chat.

11 maggio 2015

Inserita la possibilità di modificare la pic direttamente dalla applicazione utilizzando una propria foto o scattandola con lo smartphone.

É ora possibile, anche per chi non ha un profilo di twitter, scaricare e utilizzare Periscope registrandosi con il numero di cellulare.

Possibilità di menzionare direttamente dalla app una persona inserendo, nella stringa di testo, il nome con la chiocciola.

Nel proprio profilo (visibili solo dall’utenti) sono elencati i live effettuati. non è possibile visionari ma è possibile eventualmente eliminarli. *

I follower e following sono inseriti nell’ordine in base a cui abbiamo seguito o siamo stati seguiti.
Potremo quindi verificare chi ci segue più agevolmente senza perderci un “nuovo follower”.

26 maggio 2015

Resa disponibile l’app anche per i dispositivi Android (vers. 4.4)

5 giugno 2015 

Salvataggio istantaneo del live, con possibilità comunque di cancellarlo successivamente dal proprio profilo.
Tradotta l’app in 29 lingue fra cui l’italiano.
Possibilità di condividere su Twitter il live che si sta guardando
Nella sezione “mappa” possibilità di selezionare una zona e visionare i live degli account Periscope che si stanno geolocalizzando nel luogo scelto.
E’ possibile condividere con i nostri follower i live anche se sono già terminati.


Scusate gli errori ma aggiungo mano a mano che scorpo una nuova funzione o qualcuno me la segnala.

…. continua ….

Nota:
Non ho più inserito gli aggiornamenti successivi che, comunque, prevedono migliorie come ad esempio poter escludere le notifiche per alcuni utenti e finalmente la possibilità di andare avanti e indietro nel filmato e la possibilità di lasciare in visione oltre le 24 ore il proprio video.
Credo che questo post ormai possa considerarsi completo.
Aggiungo anche che, come avevo immaginato all’inizio, l’entusiasmo iniziale ha lasciato il posto ad un po’ di noia per alcuni video, quindi la partecipazione massiccia iniziale sta un po’ scemando.
Spero che tutto questo permetta di seguire ciò che realmente è degno di nota.